Un Messaggio di Amore


M. "Sono con te, non temere. Ora integrati alla famiglia."(14-05-94).

P. "Apri le braccia per ricevere". (30-01-01)

13 May

Storia delle Piccolissime Anime Mariane


Storia delle Piccolissime Anime Mariane

(P.A.M.)

Conoscere la propria storia è un modo di adentrarsi nell’essenza delle cose, arrivare alle radici dell’albero per scoprire il suo potenziale, di cosa si alimenta, cosa lo mantiene in piede, ecc… perciò vogliamo raccontarti, in quattro parole, come si gestò, nel seno della Madonna, quest’opera delle Piccolissime Anime Mariane.

Noi siamo semplici strumenti che Dio ha usato per mettere in scena la sua Opera in questo tempo, nella nostra storia. Gesù e la sua Madre Santissima sono gli autori di questa storia di Amore; è stato Gesù ad attirare le nostre anime con lacci di amore.

È stato un inizio semplice ed umile. Piccoli miracoli, grandi dettagli. Ecco la nostra storia:

1 – Il Santo Rosario è stato il nostro inizio:

Fabiana Corraro cominciò a ricevere i messaggi della Madonna nel 1994, e nonostante lo sconcerto per tale avvenimento, accorre al Padre José di Bárbora, proprio come gli chiese la Madonna, e facendolo vedere il suo diario personale dove lei aveva scritto i primi messaggi. Dopo averli letto, il sacerdote gli chiese di continuare a scrivere e di visitarlo con regolarità. Così, sempre accompagnato dalla preghiera e di Gesù eucaristìa, il Padre comincia a discernere i messaggi che Fabiana gli consegna durante tutto l’anno. In questo modo nel 1995 vede la luce la prima edizione del libro, di 3000 esemplari, che allora erano solo delle pagine incollate e con il fronte e dietro in bianco e nero. Così subito lo cominciano a chiamare il “Libretto”. Il padre José comincia a distrubuirli tra i fedeli della chiesa di María Auxiliadora (Maria ausiliatrice), tra questi si vede un grande interesse ed accettazione, sopratutto in un gruppo di giovani. Il seme era seminato.

In giugno dello stesso anno, alcuni giovani decisero di rispondere a uno dei richiami della Madonna: La preghiera del Santo Rosario. E così perseverano durante sei mesi; questi piccoli cenacoli di preghiera sono i primi passi del nostro gruppo. L’opera è di Maria e così Lei l’ha voluta da sempre. Un’opera grande e senza limiti, e a participare di questa siamo tutti invitati. Tutto è cominciato con 50 piccole rose che hanno risposto con generosità all’invito della Madonna.

2 – Dalla mano della Madonna di Itatí e di Gesù eucaristia abbiamo fatto questo passo:

lo stesso gruppo di giovani che rispose al desiderio della Madonna riguardanti la preghiera del rosario, accettò di concretare la nuova richiesta che lei fece dal suo Santuario di Itatí (paesino che si trova a 70 km di Corrientes e nel quale si trova il Santuario mariano di Itatí):

Io sono la tua Madre, la Madre di tutti, e desidero che il 16 di ogni mese vengano tutti i miei figli a questo luogo santo per ricevere la mia benedizione materna” (09 maggio 1995).

Così, nel dicembre del 1995 stampammo dei poster con questa scritta: “La Madonna di Itatí ti aspetta nel suo Santuario il 16 di ogni mese. Non vuole stare da sola” (Movimento Laicale Mariano). In questo modo il 16 dicembre partono da Corrientes cinque bus portando i figli per visitare la Mamma.

In gennaio 1996 cominciammo l’adorazione settimanale a Gesù eucaristia. La nostra intenzione era riparare il Cuore di Gesù dalle offese che riceve. In questi incontri personali con Gesù vivo e presente nell’eucaristia, Lui stesso cominciò a preparare i cuori di coloro che farebbero parte più tarde delle piccolissime anime mariane.

3 – E le Piccolissime Anime Mariane videro la luce:

Agli inizi dell’anno 1996, il gruppo di giovani che il Cielo aveva scelto per iniziare quest’opera, comincia a riunirsi tutti venerdì nella sacrestia della cappella per meditare insieme i messaggi della Madonna. Posteriormente, chiedono al Padre José di Bárbora di accompagnarli almeno in queste riunioni una volta al mese. Ed egli dice loro: tutti i venerdì sarà il nostro “incontro”!. Così cominciò a guidarli ed assisterli settimanalmente.

I ragazzi, rendendosi conto che quei Cenacoli dei primi tempi si stavano trasformando in “un gruppo di chiesa o gruppo ecclesiale”, con un giorno e un posto fisso per gli incontri ed un assessore spirituale, sorse un’inevitabile domanda: Quale nome avrà il nostro gruppo? E si intraprese il compito di cercare un il nome.

Tenendo in conto le parole della Madre che insisteva costantemente nella piccolezza e nella nostra estrema debolezza, e facendo attenzione a quel sentimento di totale dipendenza alle sue cure materne, sorsero parole come “piccolini”, “piccoli”… Ma quando leggemmo un messaggio del Libro Lasciati Amare tutto diventò più chiaro.

Nel messaggio del 22/09/1995 la Madonna dice:

Voi siete le piccolissime anime del mio Cuore Immacolato. Quelle che dipendono da Me perfino per respirare. Siete i bebè della Corte celeste…”

In questo modo sorge il nome “Piccolissime Anime di María”. Ma consultando col Padre José, costui ci disse di cambiare le ultime parole per “Mariane”. Così, semplicemente e senza molto protocollo nascono formalmente le P.A.M, era il 24 febbraio di 1996.

Dopo tre settimane la sacrestia era affolatissima, e si decise di fare gli incontri in un’aula della scuola Salesiana, il quale si trova vicino alla cappella. Ma, neanche questo fu sufficiente, poiché dovettero trasferire gli incontri in chiesa. Durante l’anno 1996, il numero di integranti delle P.A.M si accrescentava. Come così pure si estendeva la distribuzione del libretto ad altre città.

4 – IL REGALO DI MARÍA PER Il SUO FIGLIO: L’ASSOCIAZIONE DI LAICI IN ONORE DEL SACRO CUORE DI GESÙ:

Nel decorso della vita del gruppo, si realizzarono diverse Convivenze e Ritiri Spirituali, ma senza dubbio, ci fu un incontro di grande importanza per la posteriore crescita spirituale che si sarebbe dato nel gruppo.

Con una totale koinonía, propria di coloro che vivono nello Spirito, sorse tra i piccolissimi il desiderio di consacrarsi, nel Cuore di María, al Cuore di Gesù, faccendo i voti di povertà, castità ed obbedienza; e di questa maniera rispondere alla richiesta di Gesù (messaggio del 24/04/1995).

Il signore ci aveva incaricato nient’altro e niente meno che, la formazione della prima Congregazione di laici consacrati totalmente a Lui. Per quel motivo, sebbene sappiamo che tutta l’opera è sua, dalla nostra povera umanità, dovevamo organizzarci un po’.

Con questo obiettivo, il 17/05/1996, un gruppo di giovani partono, ammucchiati in un camion, verso Paso della Patria (cittadina turistica della capitale Correntina). Lì, alloggiati nella casa di uno di essi, si sviluppa una convivenza-ritiro per due giorni, dove semplicemente si medita su alcune domande formulate dal Padre José e si rimane in preghiera.

In questo modo, si mettono le basi della “Associazione di Laici in Onore del Sacro Cuore di Gesù”, nel Diritto Canonico non si contemplano ancora congregazioni laicali per cui si decise di utilizzare il nome di associazione.

L’opera cominciò a concretarsi alla fine di quell’anno. Dopo della formazione a partire dalla meditazione e vissuto dei messaggi, sommato a questo il “proposito” della settimana che si facceva in ogni incontro, l’8 Dicembre, durante la messa giovanile di María Immacolata, celebrata nel spianata della scuola, 60 persone emisero i suoi voti per un anno.

Nel 1997, sommandosi a quelli che rinnovarono la sua Consacrazione, si incorporarono 79 nuovi aspiranti all’Associazione, e nel ’98 furono contemporaneamente 100 quelli che fecero per la prima volta i loro voti, oltre a 12 persone che emisero voti perpetui. Negli anni ’99 e 2000 si sommarono nuovamente un gran numero di persone.

E dopo si succederono altri Ritiri e Convivenze, le nuove edizioni del Libro Lasciati Amaree le sue rispettive traduzioni, l’arrivo dei messaggi a posti tanto lontani, le messe nella Stella Maris il primo sabato del mese, Internet, la formazione del gruppo fondazionale, il primo Incontro Nazionale delle P.A.M.

E tante altre cose che sarebbero difficili da descrivere, ma in ciascuna di esse si vede l’assistenza provvidenziale del Cielo e la conferma che l’opera era, e continua ad essere di Dio.

Tante cose abbiamo vissuto dalla mano di María.

Una strada breve ancora in anni, ma riempio di moltissime ricchezze.

Una strada che tu sei anche chiamato a percorrere dal tuo posto, dalla tua consegna, dalla tua debolezza, debolezza che molte volte diventa pesante, ma che si converte in pietra preziosa agli occhi di Dio.

E la storia non finisce qui, ogni giorno si scrive un nuovo paragrafo e tu puoi diventare un partecipante attivo di essa, perché Dio ha bisogno di te.

Cosa hai per dargli?…

Il tuo SI !!!

 

 

2 Messaggi a “Storia delle Piccolissime Anime Mariane”

  • Christine (Svizzera ) says:

    Grazie Mamma Maria!! Io voglio essere una picolossima anima mariana. Ti domando Che Il mio Figlio e il mio sposo sono anche picolossime anime mariana!! Io Prego per questo !! Grazie Maria di aver fatto questo a traverso Fabiana !! Adesso Che Fabiana non e piu on questa terra , l’opera continua à Corrientes ? Pace e bene a tutti

  • Maria Rosa says:

    Parole bellissime che mi hanno lasciato pace .vorrei avere il libro da leggere . Si voglio essere anche io una anima mariana voglio rispondere Si a Gesu se ha bisogno di me . GESU TI AMO ECCOMI SE HAI BISOGNO DI ME MI CONSEGNO A TE TI CONSEGNO LA MIA VITA. MI VOGGLIO CONSACRARE A TE . TI AMO GESU GRAZIE PER AVERMI CHIAMATO PER QUESTA MISSIONE. MARIA ROS

© 2017 Un Messaggio di Amore | Entries (RSS) and Comments (RSS)

Powered by Wordpress, design by Web4 Sudoku, based on Pinkline by GPS Gazette